lunedì 28 gennaio 2019

Fare formazione su oVirt con il corso RH318 e certificarsi RHCVA

Molti mi chiedono perché oVirt non abbia un percorso di formazione e una certificazione. La risposta è semplice; affinché un corso sia valido e interessante è necessaria una struttura e un'organizzazione di cui una community open source spesso non dispone. Come tutti sapete però, uno dei principali prodotti downstream di oVirt è Red Hat Virtualization e, come la maggior parte delle soluzioni commerciali di Red Hat, dispone di un proprio percorso di formazione e una certificazione dedicata. Andiamo quindi a scoprire il corso RH318 – Red Hat Virtualization e l'esame di certificazione EX318 - Red Hat Certified Virtualization Administrator.


giovedì 25 ottobre 2018

oVirt Conference 2018

Come ogni anno, ecco che ritorna, a Milano, l'evento oVirt dedicato a privati ed aziende che vogliono scoprire e approfondire le tematiche legate alla virtualizzazione open source.




mercoledì 20 dicembre 2017

È uscito oVirt 4.2: che rivoluzione!

È di questa mattina il rilascio dell'attesissima versione 4.2 di oVirt. Le novità sono davvero tante con oltre 1000 cambiamenti su tutti i fronti: engine, storage, network, interfaccia utente e analisi dei dati.

oVirt, ricordiamolo, è una piattaforma di virtualizzazione e di storage del tutto paragonabile a VMware vSphere. Per maggiori informazioni su oVirt vi rimandiamo al nostro precedente articolo.

Cosa c'è di nuovo?

 

Le novità principali

 

L'Administration Portal è stato riscritto e ridisegnato da zero usando PatternFly, uno standard web usato in ambito IT per rendere omogenee le interfacce utente. Il portale ora, oltre che essere pià accattivamente e moderno, risulta più veloce.


venerdì 1 settembre 2017

Heretic oVirt Project - Il recap dell'incontro BgLUG

Mercoledì 2 agosto, nella sede del BgLUG presso FABLAB a Bergamo, si è tenuta una presentazione/demo live sull'approntamento automatizzato (non interattivo) e da zero (macchine nuove/riciclate) di una soluzione oVirt con Self Hosted Engine (ovvero con l'oVirt Engine, la macchina di controllo dell'intera infrastruttura, ospitata come virtual machine all'interno dell'infrastruttura stessa) ed iperconvergente (ovvero con storage Gluster fornito dalle stesse macchine fisiche che fanno virtualizzazione) resistente ai singoli guasti.

L'incontro ha registrato il pieno nella sala messa a disposizione e, nonostante il caldo e alcuni inconvenienti tecnici nella parte live, l'interesse della platea è parso decisamente elevato.

venerdì 24 febbraio 2017

Il recap del workshop di Milano

Lunedì 13 febbraio, nella bellissima cornice del Learning Center di Fastweb, si è tenuto il primo workshop italiano interamente dedicato ad oVirt. L'affluenza ha superato le attese con quasi 80 persone accorse all'evento da diverse città italiane (diversi ospiti sono giunti dalle province di Bologna, Genova e Roma).



lunedì 23 gennaio 2017

oVirt 4.1 Workshop + Release Party

In occasione del rilascio di oVirt 4.1, la community italiana ha organizzato questo evento dal carattere prettamente tecnico. Ci saranno diversi workshop a difficoltà crescente per introdurre oVirt a chi non l'ha mai usato ma magari lavora abitualmente con altre soluzioni come VMware e Hyper-V. Successivamente entreremo nel dettaglio con alcune configurazioni particolari e molto richieste in ambito cloud e datacenter come l'HCI (Hyper-converged infrastructure) e le NFV (Network function virtualization).

A seguire, si terrà il vero e proprio Relese party, dove verranno presentate tutte le nuove funzionalità di oVirt 4.1 tra un aperitivo e una fetta di torta.

lunedì 14 novembre 2016

VMware e oVirt a confronto

Similitudini, differenze e integrazione con OpenStack: tutto quello che c'è da sapere passando da VMware ad oVirt

Molti di voi avranno scoperto oVirt cercando una valida alternativa a vSphere (e al suo hypervisor ESXi). È bene ricordare che oVirt non è l'unico virtualization manager open source ma sicuramente è quello che più si ispira al prodotto commerciale di VMware. Inoltre, oVirt è la soluzione ideale per realizzare il cloud ibrido in azienda, affiancando ad un sistema di cloud puro (come OpenStack) un sistema di virtualizzazione consolidato ma moderno (vedi il paragrafo dedicato al cloud ibrido). Proveremo ora ad analizzare similitudine e differenza tra i due prodotti. In questo articolo segneremo in rosso le componenti relative a vSphere e in verde quelle relative ad oVirt.